Coinbase e Wall Street: è tutto oro digitale quel che luccica?

Celia Guimaraes intervista Ferdinando Ametrano per Rai News24.

Coinbase Global Inc., la seconda più grande piattaforma di scambio di criptovalute degli Stati Uniti (la prima risulta essere Binance), debutta al Nasdaq e segna una pietra miliare nella storia delle valute virtuali: da tecnologia di nicchia ad asset mainstream.

E’ stata valutata a 381 dollari per azione, per un valore di mercato di 99,6 miliardi di dollari, in rialzo del 31,31% nel suo primo giorno di contrattazioni. Il titolo ha concluso la prima giornata scambi a 328,28 dollari.

Coinbase, fondata nel 2012, dichiara 56 milioni di utenti in tutto il mondo e circa 223 miliardi di dollari di asset, pari all’11,3% della quota di mercato delle criptovalute.

L’arrivo della piattaforma sulla Borsa di New York (una novità sospesa tra operazione di marketing e innovazione tech) segna una svolta per le criptovalute, ammesse nel salotto buono della finanza tradizionale, che solo pochi anni fa le temeva o snobbava, secondo larga parte delle opinioni di investitori, analisti e autorità monetarie.

Saranno le criptovalute le monete di riferimento della Gen Z, la generazione che usa con disinvoltura strumenti digitali? Ce lo spiega il professor Ferdinando Ametrano, direttore scientifico del Crypto Asset Lab – Dipartimento Business and Law all’università Milano-Bicocca che in questa intervista ci parla del ruolo dei Big della Silicon Valley ma anche dei rischi che le app e servizi per investitori rappresentano in questo momento di ‘hype’.


Rivedi il video dell’intervista a Ferdinando Ametrano

Il video completo dell’intervista è disponibile sul blog “DallaRete” di Celia Guimaraes: “Coinbase e Wall Street: è tutto oro digitale quel che luccica?”


Rivedi la puntata della rubrica Login su RaiNews24

L’intervista a cura di Celia Guimaraes è stata poi ripresa nella rubrica Login, in occasione della puntata dedicata al debutto di CoinBase su Wall Street a cura di Dario Marchetti: Coinbase va a Wall Street

Aprile 21, 2021

Redazione